Loading color scheme

Ospitalità Diffusa

Un esempio di perfetta integrazione tra le case che hanno ripreso vita e il magico paesaggio del Pollino, verde nella bella stagione, innevato d’inverno.
Abitazioni che raccontano la storia di questo borgo e dei suoi abitanti. Accolgono persone che arrivano con un bagaglio e vanno via con una storia da raccontare.

Numerose casette restaurate con cura costituiscono la nostra peculiare visione dell’albergo diffuso; esse contengono arredi semplici, autentica testimonianza di una dignitosa civiltà contadina e costituiscono l’antico Vicinato ove la vita di relazione si svolgeva in modo intenso, nella condivisione quasi obbligatoria del vissuto quotidiano.

L’Albergo Diffuso è anche un modello di sviluppo del territorio che non crea impatto ambientale perché non è necessario costruire niente, dato che ci si limita a recuperare/ristrutturare e a mettere in rete quello che esiste già.
Allo stesso tempo un Albergo Diffuso funge da “presidio sociale” e anima i centri storici trasformandoli in luoghi da vivere e da abitare, stimolando iniziative e coinvolgendo i produttori locali considerati come componente chiave dell’offerta. Inoltre , grazie all’autenticità della proposta, alla vicinanza delle strutture che lo compongono, e alla presenza di una comunità di residenti lo stesso riesce a proporre più che un soggiorno, uno stile di vita, conforme alle esigenze del profilo del turista "permeabile".

Il concetto del riuso, del restauro e della conservazione di quanto rimane delle epoche passate, nelle Case del Nibbio, diviene parte integrante di un’aspirazione ancor più alta, ovvero quella di dar voce ad un nuovo e più saldo legame che unisca la Nostra storia (la storia dell’uomo) all'idea di una sempre maggiore sostenibilità.